Marco

Smartphone, elettrodomestici e onde elettromagnetiche: sono dannosi per la salute?

Ci siamo sempre chiesti se i nostri smartphone, che praticamente portiamo sempre con noi, e i vari elettrodomestici che abbiamo in casa possano fare male alla nostra salute e a quelli dei nostri cari o, ancor peggio, generare tumori.

Innanzitutto occorre sferrare una lancia a favore dell’utilizzo di questi apparecchi elettronici che, nella maggior parte dei casi, ci semplificano molto la vita quotidiana.

Evitiamo i troppi allarmismi

Ogni dispositivo elettronico genera direttamente o indirettamente delle onde elettromagnetiche; le stesse, sono state oggetto di molti studi correlando la loro emissione alle condizioni della nostra salute. Da alcuni anni si parla anche di inquinamento elettromagnetico, ovvero del fenomeno di “disturbo” delle onde emesse dai vari apparati elettronici sul nostro organismo.

Questo perché si è sempre avuto il dubbio che potessero incidere negativamente sull’attività elettrica, cellulare e fisiologica del nostro organismo; perplessità generate anche sulla possibilità di avanzamento di patologie tumorali dopo lunghi periodi di esposizione con essi.

Cosa dice la scienza a riguardo?

Numerosi però sono i casi di studio e le ricerche scientifiche su questo tipo di fenomeno che, siamo sinceri, ancora oggi non hanno dato conferme certe sulla valutazione dei campi elettromagnetici in relazione alla salute dell’uomo.

Reputo che l’unico vero elemento che al momento occorre tenere sotto controllo è il tempo di esposizione. Diviene importante, quindi, che durante la notte dispositivi come radiosveglie, telefoni cellulari e baby monitor debbano essere posizionati ad almeno un metro di distanza dal cuscino; lo stesso vale per abat-jour e vari dispositivi di illuminazione che stazionano all’interno della nostra camera da letto.

Naturalmente come ogni cosa, l’uso non corretto e la mancanza di qualche piccola accortezza, può generare danni.

Occhio di riguardo verso i bambini

Attenzione anche ai bambini che guardano la TV a distanze inferiori a un metro oppure che si avvicinino nella parte laterale o posteriore della televisione. I più piccoli d’età devono essere tenuti lontani anche da forni a microonde, ferri da stiro e forni elettrici (anche per ovvi motivi di sicurezza).

Ho menzionato i bambini perché a causa della giovane età e dello sviluppo costante, le ossa e i tessuti potrebbe essere “penetrati” maggiormente dalle onde elettromagnetiche.

E il rasoio elettrico? Meglio usarlo velocemente e alternarlo con l’uso di dispositivi non tecnologici. Precauzioni anche nell’utilizzo del phon a distanza ravvicinata o piastre elettriche per tempi eccessivamente elevati e accortezza nel ridurre il tempo di esposizione anche quando si utilizzano piccoli elettrodomestici.

Sarebbe anche utili non tenere collegati alla presa elettrica dispositivi che non vengono accesi costantemente, in quanto la corrente elettrica al loro interno potrebbe generare campo magnetico.

In sintesi, nessuno studio conferma ad oggi la dannosità dei campi elettromagnetici. Il consiglio, quindi, è quello di ridurre il tempo di esposizione e la distanza dai vari dispositivi in uso e sicuramente non arrecheremo danni alla nostra salute e a quella dei nostri cari.

Corsi di Formazione

Scopri tutti i miei corsi

CLICCA QUI

Le mie Consulenze

Scopri i miei servizi

CLICCA QUI

Professionisti e aziende

Scopri i miei servizi

CLICCA QUI

Personal Coach VIP

Scopri il programma dedicato VIP

CLICCA QUI

Iscriviti alla mia newsletter

Contenuti gratuiti per aumentare le tue performance: inizia a ricevere i miei articoli!

Grazie per esserti iscritto alla newsletter del Dr. Marco Magro!
Il tuo indirizzo email non è corretto, ti invitiamo a riprovare.

Leave A Comment